Il tuo sito web aziendale risponde a queste 3 fondamentali domande?

Se ne mancasse anche solo una, dovresti cominciare a lavorarci subito, migliorando in poche settimane le performance del tuo sito web aziendale

Poco meno di 1 mese fa mi chiamò un imprenditore in cerca di nuovi clienti e maggiore visibilità. Al nostro primo colloquio, esordì in questo modo:  << E’ inutile che mi racconti la solita cosa che mi raccontano tutti, è inutile perchè le ho provate tutte, ho un sito web aziendale da quasi 5 anni e probabilmente il web marketing non funziona per la mia Azienda!!>>

Io di tutta risposta :<< Scusa e allora cosa mi hai chiamato a fare?:>> Lui :<< Per sentire cosa avevi da dirmi!>>. A quel punto, capito che aveva voglia di fare polemica sterile, chiesi semplicemente di visionare il suo sito, per poter giudicare il lavoro che stavano svolgendo.

Una volta dentro il loro sito web, mi ci vollero 30 secondi per capire che presentava tutti e 3 i peggiori difetti che un sito possa presentare. Prima mi tolsi una sottilissima soddisfazione, lasciando a bocca aperta il super esperto di marketing, poi molto saggiamente mi concentrai sulle soluzioni, spiegandogli i motivi per cui stesse buttando soldi a valanghe in campagne di web marketing sterili.

Ora ti evito la fine di questa storia, perchè avrai capito che  dopo la mia disamina mi chiese di aiutarlo, resosi conto di quanti soldi e tempo stesse buttando e che ora è un mio cliente, felice e soddisfatto del lavoro che stiamo svolgendo. Per tornare invece al nostro articolo, voglio dirti quali sono le 3 domande a cui devi assolutamente rispondere, ed ecco la prima:

Sul mio sito faccio direct response marketing?

E cos’è il direct response marketing? Prometto che tornerò a parlarne in maniera più approfondita, perchè l’argomento merita attenzione e potrebbe realmente cambiare le sorti della tua impresa, e chi non lo ha ancora capito è destinato a fallire. Intanto sappi che il marketing a risposta diretta (questa è la traduzione letterale), racchiude tutta la serie di strategie che capovolgono completamente il modo di fare marketing tradizionale.

Quello che una volta ti spingeva a bussare alla porta del tuo cliente, per chiedere un appuntamento e sperare di essere ricevuto, con il Direct Marketing non esiste più. Un sito web aziendale ben predisposto e attrezzato porterà i tuoi potenziali clienti da te, perchè saranno attratti dagli argomenti che metti in campo.

Il meccanismo è semplice e potentissimo. Il tuo potenziale cliente ti trova attraverso le strategie che metti in campo tu, entra nel tuo sito, ti legge, ti ascolta, ti studia, si innamora di te e del tuo prodotto/servizio e ti contatta. Questa è la potenza del Direct Marketing. Questo è ciò che ci permette di fare il Web, oggi.

Nel mio corso gratuito di web marketing ti spiego alcune di queste strategie potentissime, ti consiglio di dargli un’occhiata.

Il mio Sito web Aziendale è User Friendly?

Ne ho già parlato diverse volte, ogni volta che un utente entra nel tuo sito deve intraprendere un viaggio che lo porterà all’azione che hai predisposto per lui, utile alla tua Azienda. Registrarsi alla tua newsletter, comprare il tuo prodotto, lasciare un commento, insomma qualunque sia l’azione che deve fare, la compirà, a patto che la sua esperienza di navigazione sarà stata piacevole.

Quali sono i parametri che rendono un sito user friendly? Pagine che si aprono velocemente, immagini e contenuti armonici, servizi e contenuti principali raggiungibili facilmente e un layout grafico che rispecchi il messaggio che vuoi dare tu.

Tutto questo genera fidelizzazione e quindi vendite. Niente di più facile. Facile per chi lo sa fare e per chi conosce gli strumenti che fanno raggiungere questo livello di professionalità al tuo sito. Improvvisare ti servirà a poco.

Il mio sito è Land User Oriented?

Questo è forse uno degli errori più comuni e frequenti che trovo sui siti. Primo errore, non hanno landing page, ovvero pagine di vendita dove vengono proposti prodotti o servizi, e senza quelle, le tue vendite saranno pressochè azzerate. Secondo errore, quando ci sono, non sono scritte e preparate per esaudire i desideri del lettore.

Ma come, penserai tu, se una landing deve vendere un prodotto per forza dev’essere scritta per esaudire un bisogno del lettore. Questo è vero, perchè nel tuo prodotto c’è la risoluzione di un problema, purtroppo però nella tua landing non glielo dici, e sai perchè?

Perchè spesso sei troppo impegnato a raccontargli quanto è fico il tuo prodotto, quanto tempo hai impiegato per costruirlo e quanto sia migliore della concorrenza. Non hai capito che il lettore è lì per soddisfare un bisogno primario e quindi che il tuo prodotto sia fico, gli interessa poco.

Ricordati che come dicono i grandi esperti di vendita, le persone comprano buchi e non trapani. Nelle mie consulenze, analizzo siti internet per capire come mai non portano i risultati sperati. Sistematicamente, 9 landing page su 10 parlano delle caratteristiche del prodotto e non dei benefici che lo stesso apporta al lettore e questa sottile differenza causa un enorme impatto su chi legge, che se non trova ciò che vuole  e dopo pochi secondi esce, per non tornare mai più.

Quindi, quando preparerai la tua prossima landing per il lancio di un nuovo prodotto, ti dovrai ricordare cosa mettere in rilievo e le tue conversioni aumenteranno notevolmente.

Capisco che questi argomenti andrebbero approfonditi e lo faremo nei prossimi articoli. Rispondere in maniera onesta o magari farti aiutare da un esperto di marketing per verificare se il sito ne sia predisposto, ti aiuterà moltissimo, aumenterà la tue visite, i potenziali clienti e automaticamente le vendite.

Se intanto vuoi cominciare a capire se la strada che hai intrapreso è quella giusta, ti consiglio di scaricare il mio corso gratuito di web marketing che ti aiuterà a capire se con la tua Start Up sei sulla strada giusta.

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo sui Social aiutando la nostra comunità a crescere, per far crescere gli imprenditori italiani, e lascia un commento, sarà molto gradito.

A presto,

Nicolò.

Related Posts

Leave a reply